IPFN #37 – Sul banco degli imputati: TUTTI

CatturaSeconda imbarazzante sconfitta casalinga consecutiva, con un attacco letteralmente ai minimi storici ed infiniti errori da dilettanti. Abbandonando i soliti toni pacati, stavolta ne abbiamo per tutti: giocatori, staff, commentatori più o meno informati. Sul finale, sorpresa incredibile con l’editoriale di un grandissimo ospite.

IPFN #36 – Stiamo davvero tornando?!

CatturaIl nostro recap della grande vittoria di domenica scorsa in casa dei Vikings, e la preview dell’attesissima sfida di domani al Lambeau contro i Bears. Sono positivi i segnali che giungono dall’attacco? La difesa sarà sempre quella feroce vista qualche giorno fa? Proveremo a rispondere a queste domande. In più, i pronostici per domani, la Thanksgiving Night di Bologna e l’esordio della nuovissima ed attesissima rubrica statistica “L’angolo del Nerd”.

Packers @ Vikings: Le chiavi del match

635523618332540361-gwnbk-6i1n02ihjggx1kb65ek-original

L’ultimo precedente al TCF Bank Stadium: Vikings 21, Packers 24 (Week 12, 2014) (Evan Siegle/Press-Gazette Media, all rights reserved)

È appena Week 11, ma quello di Minneapolis è già un crocevia decisivo per la stagione dei Packers. Una sconfitta infatti, la quarta consecutiva, significherebbe dover dire addio ai sogni di first-round bye ai playoff, e comprometterebbe di parecchio anche la rincorsa al quinto titolo divisionale consecutivo.

I Vikings (7-2) vengono da cinque vittorie consecutive e possono contare su un Adrian Peterson in grande spolvero (è il leading rusher della Lega, e per distacco) nonché su una difesa solidissima, capace di fermare le corse avversarie e portare pressione al quarterback.

Ecco quali saranno secondo noi le chiavi del match per i Packers, nelle tre fasi di gioco.

ATTACCO

Stabilire il running game, già di per sé un problema ultimamente per i Packers, contro questa difesa sarà ancora più difficile, specie se non vi sarà costanza nel chiamare le corse. Ma per stabilire il gioco di corsa, contro il front seven dei Vikings, bisognerà fare in modo che la difesa rispetti il gioco aereo e si disponga con due safety profonde, anzichè inserirne una nel box a fermare le corse ed i passaggi brevi come stanno facendo tutti i nostri avversari ultimamente, a causa di un passing game spuntato, privo di una minaccia credibile sul profondo ed incapace di creare separazione dai cornerback. Quindi, contravvenendo al mindset tradizionale (correre per aprire possibilità nel passing game) i Packers dovranno lanciare per allargare le maglie della difesa e liberare spazio al centro per le corse di James Starks (ancora una volta lo starter) ed Eddie Lacy. Con le assenze di Jared Abbrederis e Ty Montgomery, il parco ricevitori dei Packers è però decimato e consta di soli quattro elementi. Chissà che proprio per questo non si decida, finalmente, di sfruttare le grandi doti atletiche di Jeff Janis con giochi disegnati apposta per liberarlo in campo aperto.

DIFESA

Annullare Adrian Peterson? Scordatevelo. Dopo l’anno “sabbatico”, il #28 sta correndo come se avesse 25 anni anzichè 30, e praticamente nessuno è riuscito finora in stagione a limitarne i numeri. Per la difesa la chiave della partita sarà la pressione su Teddy Bridgewater. Il sophomore ha talento, commette pochi errori ed è un buon game manager in un attacco fondato sul running game. Quando ha tempo per lanciare, i suoi numeri sono da Top-15 QB. Con la pressione addosso invece diventa impreciso e commette molti errori. Quindi, complice una offensive line vichinga dal talento limitato, la difesa di Dom Capers, reduce da tre partite senza sack, dovrà fare in modo di “mettere le mani addosso” a Bridgewater, limitando al contempo, per quanto umanamente possibile, l’output offensivo di Peterson.

SPECIAL TEAMS

Qui il pericolo #1 è Cordarrelle Patterson, kick returner di Minnesota. Per renderlo inefficace, servono calci con buon hang-time che diano tempo alla coverage unit di disporsi e coprire campo. Oppure touchback (sempre più difficili man mano che il tempo peggiora). Qualsiasi cosa di diverso, potrebbe costare ai Packers un big return come quello di Abdullah la scorsa settimana.

GLI ASSENTI

Micah Hyde e T.J. Lang dovrebbero farcela. Ty Montgomery (caviglia) al momento è “doubtful” ma difficilmente ci sarà. Abbrederis salterà diverse partite con un problema alle costole. Il dubbio sulla presenza di Damarious Randall (hamstring) verrà sciolto solo poco prima del match.

Go Pack.

IPFN #35 – 3 & Out

CatturaPer la prima volta dall’invenzione della ruota, ci tocca commentare una sconfitta casalinga contro i Detroit Lions. L’attacco continua a stentare, con innumerevoli 3&out e grossolani errori di esecuzione, e, come se non bastasse, dopo tre sconfitte consecutive domenica si va a fare visita ai nuovi leader della NFC North, i Minnesota Vikings, con un parco ricevitori ulteriormente ridotto dall’infortunio ad Abbrederis.

R-E-L-A-X, oppure P-A-N-I-C?!?

IPFN #34 – Che sta succedendo?!

CatturaDopo due sconfitte consecutive, ci ritroviamo con più punti interrogativi che certezze. L’attacco è letteralmente ai minimi storici, e la difesa dopo un’ottimo inizio di stagione non sta più riuscendo a trascinare la squadra. Noi proviamo a dare la nostra interpretazione di ciò che sta avvenendo a Green Bay, prendendo in considerazione ogni aspetto: attacco, difesa, special teams, coaching staff, rookie class. In coda, i nostri pronostici per la partita di domenica al Lambeau contro i Detroit Lions.